fbpx Booking Engine R2
MENU
 

Territorio

DA VEDERE, DA SCOPRIRE

LA MAREMMA TOSCANA

Una celebre definizione di questa area geografica l’ha data Dante Alighieri nella sua Divina Commedia: “La Maremma è quella terra che si estende entro i confini di Cecina e Corneto” (l’antica Tarquinia). I riferimenti geografici forniti dal sommo poeta fiorentino risultano giusti per la sua epoca, ma oggi non è più così. La Maremma Toscana è identificata come quel lasso di terra che si estende tra le province di Livorno e Grosseto.

Un’area naturale variegata composta da lunghe distese di sabbia color oro bagnate da un mare cristallino, dolci colline, monti ricoperti da fitti boschi, zone lacustri e importanti località termali.

Gli scavi effettuati hanno dimostrato che questa terra era già abitata in epoca preistorica. Successivamente giunsero gli etruschi che furono i suoi più prolifici colonizzatori. Le testimonianze del loro passaggio sono conservate all’interno di siti, musei e necropoli che corrispondono a un’ampia fetta del patrimonio archeologico della regione. Poi fu la volta dei romani i quali hanno contribuito allo sviluppo della rete viaria, dei centri abitati e del settore termale maremmano. Le antiche terme di Roselle, oggi non più in funzione, ne sono un illustre esempio. Il medioevo è un’altra tappa storica  importante. La Maremma è ricca di borghi fortificati che in passato hanno svolto funzione difensiva e di residenza di importanti famiglie feudatarie. Passeggiando per i centri storici dei borghi maremmani sentirete parlare di Aldobrandeschi, Orsini, Sforza e molti altri, famiglie nobili principali protagoniste della storia medievale locale, come testimoniano i tanti palazzi, castelli e musei che portano il loro nome. Un importante ruolo nell’evoluzione di questa terra lo si deve anche alla famiglia fiorentina dei Medici, gli autori della cinta muraria di Grosseto e ai Lorena ai quali si deve l’opera di bonifica delle zone paludose.

La straordinaria ricchezza della Maremma e’ tuttavia rappresentata soprattutto dalla sua natura variegata ed incontaminata. Distese selvagge che declinano verso un mare cristallino, vigneti ordinati e oliveti rigogliosi che si alternano a colline coperte da macchia mediterranea ricche di selvaggina. La Maremma è percio’ anche buon cibo e produzione di vini e oli pregiati che danno vita ad una cucina che unisce la tradizione alle tendenze gourmet anche dei ristoranti stellati. 

Lo stesso vale per l’offerta enologica che vanta etichette riconosciute a livello internazionale.