fbpx Booking Engine R2
MENU
 

Suvereto

Suvereto il paese dei mestieri

Suvereto è una dei gioielli più preziosi di quel forziere che è la Maremma Toscana. Insignito del prestigioso riconoscimento dei borghi più belli d’Italia, Suvereto si trova immerso tra le verdi colline e il mare splendente della Costa degli Etruschi, nella Val di Cornia. All’interno delle sue antiche mura, questo favoloso borgo, custodisce tesori fatti di stradine medievali, case in pietra, chiese evocative, palazzi storici e musei particolari. Il borgo è avvolto da una sterminata valle di castagni, querce, sugheri e sono quest’ultimi a conferire il nome al paese. Suvereto è un luogo ricco di arte e storia, che si distingue per sue piacevoli viste sulle montagne dell’Amiata e affascina chi lo visita con la sua aria serena e rilassata. Grazie alla fiorente campagna che lo circonda, Suvereto è famoso anche per la produzione di rinomati vini. Non a caso tra queste colline passa la famosa Strada del Vino, un percorso che permette di conoscere tappa per tappa, i luoghi in cui questo nettare degli dei acquisisce tutte le sue caratteristiche che gli hanno permesso di conquistare il titolo di DOC. Suvereto paese, inoltre, è noto anche con lo pseudonimo di paese di mestieri, proprio per lo stretto legame che tutt’oggi possiede con le sue tradizioni. Le botteghe artigiane di Suvereto sono perle rare: qui fabbri, falegnami, carbonai e impagliatori ancora portano avanti in maniera fiorente la loro arte, donando un aspetto romantico a questa meravigliosa cittadina della provincia di Livorno.

Cosa vedere

Sono molti i palazzi e le chiese da vedere a Suvereto, uno dei luoghi più significativi della città è il convento di San Francesco sorto nel 1286 ebbe un ruolo importante nella vita della comunità locale fino alla sua chiusura nel 1808 per volere di Napoleone. Oggi di questo edificio religioso riconvertito in uso civile, resta lo splendido chiostro formato da un loggiato scandito da archi a tutto sesto. A fianco si trova la chiesa del Crocifisso edificata nel cinquecento per conservare il simulacro del santo patrono. Molto interessante da visitare è anche la pieve di San Giusto datata XII secolo e costruita su progetto di Barone Amico e Bono da Calci. Per quanto riguarda le strutture laiche uno dei più interessanti da vedere è il palazzo Comunale che risale ai primi anni del duecento e la rocca Aldobrandesca posta nel punto più alto del paese. Quest’ultima è costituita da tre parti: i ruderi dell’antica torre del 1164, quattro piani di abitazioni con solaio e i resti di una cinta muraria.Nei dintorni di Suvereto si trova invece la cantina Petra situata in località San Lorenzo alto. Sia che siate amanti del buon vino o meno questo luogo merita una visita anche solo per ammirare la sua architettura realizzata in esclusiva da Mario Botta.

Ci prepariamo alla riapertura
dopo Coronavirus

È stato necessario chiudere le nostre strutture e contribuire personalmente a impedire la diffusione del virus. Nell’attesa stiamo organizzando la sanificazione e l’organizzazione interne per assicurare ai nostri Ospiti di poter soggiornare in un ambiente sano e sicuro.

Queste le nostre iniziative:

  • Sanificazione pre-apertura di tutte le strutture con prodotti specifici;
  • Operatori monitorati quotidianamente con misurazione della febbre;
  • Utilizzo di guanti e mascherine in ogni reparto, anche durante il servizio;
  • Dislocazione dei tavoli ristorante a distanza di sicurezza;
  • Organizzazione del breakfast servito anziché a buffet;
  • Utilizzo fornitori “verificati”;
  • Disposizione lettini piscina a distanza di sicurezza;
  • Check out alle 11:00 e check-in alle 15:00 per ulteriore sanificazione della camera al cambio Cliente.